vista del lago di Telese Terme

Il principale luogo naturale di Telese è senz’altro il lago. Maestosi alberi d’alto fusto abbelliscono e ombreggiano le sue sponde, tratteggiandone il suo perimetro di circa un chilometro. Circondato da ampie zone agricole, è dotato di una strada carrabile e di un sentiero pedonale. Un luogo accogliente e silenzioso, ma allo stesso tempo non isolato. Facilmente raggiungibile dai maggiori centri urbani della valle, è l’ideale per una passeggiata, l’attività fisica, la pesca sportiva e il birdwatching. Numerosi infatti sono i visitatori che vi si recano, potendo usufruire anche di vari servizi ricettivi (bar, ristorante, albergo e piscina) che vi si affacciano. 

Il lago è situato al centro della Valle Telesina, tra i Comuni di Telese Terme e Solopaca. Ha un’estensione di circa 49.000 mq ed una profondità che varia tra i 20 e i 30 m.  

Dal punto di vista naturalistico riveste un’importanza fondamentale, essendo luogo di snodo migratorio di numerose specie di volatili che popolano le sue acque come l’oca (Anser Anser), la canapiglia (Anas strepera), l’alzavola (Anas crecca), il germano reale (Anas plathyrhynchos) e raramente l’airone bianco (Ardea alba). Importante anche la sua fauna ittica composta principalmente da carpa (Cyprinus carpio), e boccalone (Mycropterus salmoides) che fanno di questo lago uno dei più importanti siti di pesca sportiva della zona. L’ambiente naturale, invece, è costituito anche dalla tipica flora ripariale con specie come la tifa (Typha latifolia), il salice bianco (Salix alba) e l’olmo campestre (Ulmus minor).

La sua posizione e le sue ripide scarpate intagliate nel travertino lasciano pensare ad un’origine carsica probabilmente un “collapse sinkhole” (dolina da collasso), scavato dall’intricato sistema di acque sotterranee che caratterizza la Valle Telesina (“puri” di Monte Pugliano e “laghi” di Solopaca) e che avrebbe eroso dal basso verso l’alto il sottosuolo roccioso originando una cavità coperta da una sottile “volta”. Quest’ultima, secondo le fonti storiche, sarebbe crollata durante il catastrofico terremoto del settembre 1349 dando così origine al lago di Telese, riempito dalle acque di falda.