Il Progetto

 

TERRE DI BENESSERE - ITALIAN STYLE WELLNESS

D.M. del 13 dicembre 2010

Terre di Benessere è un progetto coordinato dalla Provincia di Brescia e cofinanziato dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo attraverso il Decreto Ministeriale del 13 dicembre 2010. Terre di Benessere è nato per potenziare e sostenere la realizzazione e diffusione dei servizi innovativi in ambito turistico. 

Promosso da sei Province, di cui Brescia in qualità di capofila, insieme a Pescara, Verbano Cusio Ossola, Pesaro‐Urbino, Benevento/Telese Terme, Sondrio, con Città Metropolitana di Roma e i Comuni di Rapolano Terme e Tivoli e dall’Associazione Mecenate ’90, con la sponsorizzazione di Federterme e dell’Unione delle Province d’Italia, il progetto si pone l’obiettivo di realizzare una rete italiana dei circuiti termali e territori.

Rinsaldando e consolidando l’insieme delle offerte termali di diversi territori in un’offerta turistica unica, Terre di Benessere mira a valorizzare in modo integrato le potenzialità culturali, enogastronomiche e del benessere fisico e psicofisico delle località termali e dei territori interessati.

La strategia del progetto è quella di integrare ed unificare l’offerta turistica complessiva del territorio, attraverso l’uso delle nuove tecnologie e dei principali strumenti di corporate identity e di comunicazione istituzionale. 
L’obiettivo è promuovere il posizionamento del brand di Terre di Benessere sul mercato nazionale e internazionale, attraverso la collaborazione tra enti locali e stazioni termali, e offrire ai turisti un servizio comune di qualità che integri l’esigenza di benessere, di qualità ambientale e di prodotti naturali.

Nell'abito del progetto si è costituito un Comitato Scientifico che ha riunito  professionalità di altissimo profilo favorendo la cooperazione fra tre  importanti Università: La Sapienza, il Politecnico di Milano e l’Università di Pesaro Urbino.
Tale comitato scientifico ha infatti prodotto i seguenti 3 studi:
 

  • Prof. Tonino Pencarelli (Università di Pesaro Urbino): Analisi delle caratteristiche tecniche ed economiche delle imprese termali afferenti ai territori del partenariato.
  • Prof. Giuliano Noci (Politecnico di Milano): Analisi dei flussi turistici termali in ambito nazionale e nei territori coinvolti nel progetto.
  • Prof.ssa Fabiola Sfodera (Università La Sapienza): Mappatura delle risorse culturali, ambientali ed enogastronomiche dei territori in oggetto.

 

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del TurismoTerre di Benessere