Rivivere il passato in una reggia d’altri tempi, sentirsi in una fiaba e tornare bambini vedendo i numerosissimi giochi d’acqua. Non è una fantasia, ma Villa d’Este, simbolo del Rinascimento italiano e dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO. Considerata il “giardino all’italiana” più bello d’Europa, stupisce e incanta per la sua architettura e la sua scenografia. Un gioiello da vedere.

 

STORIA DI UN LUOGO MAGICO
Voluta dal Cardinale Ippolito II d’Este, storico governatore di Tivoli nel 1550, è stata ideata dall’architetto Pirro Ligorio che dovette superare numerosi problemi di costruzione. Creare un giardino nel pendio dell’antica Valle Gaudente fu un’impresa lunga ben 20 anni. Oltre al problema della conformazione del suolo ci fu anche quello dell’acqua che per alimentare le numerose fontane percorre un canale sotterraneo di oltre 600 metri, proveniente direttamente dal fiume Aniene. Un lavoro non da poco considerati i mezzi dell’epoca.
Nonostante le difficoltà oggi possiamo ancora ammirare le fontane in tutta la loro bellezza e un complesso che si estende per ben 4 ettari con al centro il magnifico palazzo residenziale.

 

LA VILLA, IL GIARDINO E LE FONTANE, VERE E PROPRIE OPERE D’ARTE
Villa d’Este ci accoglie subito a modo suo: una facciata da guardare e riguardare. Introdotta da un viale con un percorso d’acqua su cui si riflette la villa, è delimitata dalla Gran Loggia e dalla Fontana d’Europa. Si passa poi all’interno che non smentisce le promesse di un esterno da lasciare senza fiato. Affreschi, opere d’arte e stanze finemente ornate, incantano da sempre ogni suo visitatore.
Tornati nel giardino, si ritorna bambini. Qui è tutto una scoperta, tra terrazze, pendii, cascate, chiese e splendide fontane che creano spettacolari giochi d’acqua. È perfino presente una grotta intitolata alla dea Diana, completamente decorata da mosaici. Nella parte più bassa del giardino troviamo una delle zone più apprezzate di questo paradiso: la rotonda dei cipressi. Come dice il nome è circondata da giganteschi alberi di cipresso secolari, tra i più antichi esemplari in Italia.
Però uno dei principali motivi della fama di Villa d’Este sono da sempre le fontane. Ognuna diversa dall’altra e con il suo fascino unico. Ti stupirà la Fontana dell’Organo, che riproduce armonie musicali, oppure la Fontana dell’Ovato, una vera perla architettonica che conclude il Viale delle Cento Fontane. Teatri d’acqua pronti a lasciarci senza parole.

 

Villa d’Este è tutto questo. Se vuoi vivere come in una favola e lasciarti incantare dalle sue bellezze architettoniche e scenografiche, questo è il luogo per te.